La notte di San Possenti

14,00


Quarta di copertina

Basta un attimo, una distrazione e la vita prende una direzione inaspettata. Quando dopo un incidente comunicano che si è perso l’uso delle gambe il modo di stare al mondo si stravolge completamente. Per andare avanti si hanno di fronte due possibilità: rimuginare su quanto è accaduto o rinascere e artigliare la nuova vita, che senza chiedere permesso si è presentata sul cammino. 

La notte di San Possenti è il racconto della rinascita di Andrea Liverani dopo l’incidente che lo ha reso paraplegico. Con uno stile inaspettatamente leggero e ironico, il giovane milanese racconta come sia nato una seconda volta grazie allo sport e alla disciplina del tiro a segno, che gli permetterà di rappresentare l’Italia alle Paralimpiadi. Un percorso fatto di ostacoli da superare, non solo architettonici, ma anche culturali e sociali.

Amicizie, incontri, divertenti scambi di persona con il suo gemello, tutto concorre a una genuina riflessione sulle barriere che le nostre metropoli nascondono  e che mettono a dura prova la normale quotidianità. Una rivincita conquistata grazie allo sport, alla tenace voglia di vivere con leggerezza le difficoltà di ogni tipo. Un testo capace di infondere energia e vitalità, pagina dopo pagina, e che valorizza profondamente l’esistenza.

Scheda Promozionale PDF

Disponibile in eBook su:

 

 

Acquista l’edizione cartacea:

Scheda tecnica

Anno di pubblicazione

Dicembre 2019

Numero di pagine

162

ISBN

9788831215091

Collana

Raccontami

Autore/ri

Andrea Liverani

Collane

Raccontami

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “La notte di San Possenti”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Citazione del testo

"Voglio artigliarla questa cazzo di vita. Non sono più il tenero cerbiattino finito sotto le ruote di un enorme autotreno una notte di fine estate. Ora sono un predatore. La vita adesso la azzanno io. Conficco i denti  nella carne morbida, ruoto la testa a destra e sinistra come una furia per lacerare meglio i tessuti con i miei canini. Voglio sentire tra le gengive il sapore salato del sangue che si mischia con la mia saliva. Solo allora mi sentirò soddisfatto. Sono un lupo capace di vivere in branco ma posso vivere solitario, a caccia di nuovi obiettivi. Ogni anno inizia una nuova stagione di caccia. Ora inizio a volare, poi si vedrà".