Biography

Author Picture

Gianfranco Pecchinenda

02 Maggio 1963

Gianfranco Pecchinenda, nato a Napoli nel 1963, è saggista e scrittore e insegna all’Università Federico II di Napoli. Si è presto trasferito, insieme alla famiglia, in Sudamerica, dove ha trascorso, tra il Venezuela e l’Argentina, tutta l’infanzia e l’adolescenza. Rientrato a vent’anni in Italia per inseguire il sogno di diventare calciatore, si è poi stabilito definitivamente a Napoli dove, in modo inatteso, ha cominciato a dedicarsi sempre più assiduamente allo studio delle scienze sociali, fino a intraprendere la carriera accademica e diventare professore universitario.
La sua ricerca in ambito accademico è prevalentemente orientata all’analisi del comportamento sociale, con particolare riferimento alla costruzione dell’identità e dell’immagine dell’uomo. Il suo approccio teorico è di derivazione fenomenologica.
Nell’ambito della saggistica ha pubblicato: Videogiochi e cultura della simulazione. La nascita dell’Homo Game (2003 e 2010); Homunculus. Sociologia dell’identità e autonarrazione (2008); Fingere per davvero. Scritti su Emmanuel Bove e altre menzogne (2013); Il sistema mimetico. Contributi per una sociologia dell’assurdo (2014); L’Essere e l’Io (2018).
Tra le sue opere di narrativa: L’ombra più lunga (2009); Essere Ricardo Montero (2011); L’ultimo regalo (2013); Come se niente fosse (2015); La Faccia (2017).